-
-
1.388 m
352 m
0
6,7
13
26,73 km

87 maal bekeken, 4 maal gedownload

nabij Marane, Abruzzo (Italia)

5.5.2019 - Questo giro nasce per caso, cercando di sfuggire alla pioggia di una fredda giornata di maggio, senza riuscirci peraltro ☺, e con una pianificazione un po' troppo frettolosa il cui risultato sarà una discesa diversa da quella pensata, che tra l'altro alla fine si rivelerà non essere quella giusta, con un finale ripido, esposto e con passaggi forse fattibili ma di altissima difficoltà tecnica, dove molto probabilmente ci si vedrà costretti a scendere di sella spesso.
Benchè più di 2/3 della discesa sia del tutto fruibile in MTB (stile AM si intende!), questo itinerario può essere sconsigliato a chi non abbia velleità discesistiche estreme a causa di quest'ultimo tratto (a posteriori ho visto in giro una relazione decisamente più soft...tanta perplessità), rimane comunque un bellissimo giro per tutti i casi in cui si sappia apprezzare anche il resto, ho visto infine che questa zona offre moltissime altre possibilità in bici, alcune delle quali già in mente, tornerò certamente presto ☺
Partenza su asfalto fino a imboccare la piacevole e lunga sterrata che conduce al Colle delle Vacche, dal quale parte una bellissima porzione di sentiero in traverso nel bosco (sent. R4) con suggestivi scorci verso la Valle Peligna, fino alla panoramica radura sulla cui sommità si trova l'eremo di S.Pietro o S.Croce del Morrone o ancora S.Pietro al Morrone.
Breve tratto a ritroso per prendere a destra il sentiero R6 che si segue fino a Fonte d'Amore e quindi al parcheggio, difficoltà come detto concentrate nettamente sulla parte finale, nella zona della Grotta degli Asinelli, e solo brevemente all'inizio.
Si transita per lunghi tratti nella zona del vastissimo incendio dell'estate 2017, un danno ambientale immenso per questi posti, che conservano comunque anche così tutto il loro fascino.
Acqua in quota presso il Colle delle Vacche e poi presso la Fonte delle Vicenne.
NOTARE che questo è un giro all-mountain con caratteristiche tipiche del cicloalpinismo, quindi con porzioni non trascurabili di spinta e/o portage.

Bekijk meer external

Commentaar